informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è l’inquinamento atmosferico e come prevenirlo

Commenti disabilitati su Cos’è l’inquinamento atmosferico e come prevenirlo Studiare a Catania

Inquinamento atmosferico? Il tema è talmente caldo che ormai diventare professionista della tutela dell’ambiente è una strada che può regalare tantissime soddisfazioni occupazionali e l’opportunità di smarcarsi dai problemi cronici del lavoro in Italia.

La bonifica dell’ambiente circostante è qualcosa che ha a che fare con la salute personale ma anche col grado di civiltà di un paese che per troppo tempo ha nascosto sotto terra o nelle profondità dei mari rifiuti tossici e amore per le nuove generazioni.

Quali sono i contorni del tema dell’inquinamento dell’ambiente e quale know-how si è sviluppato intorno ad esso? Ecco una guida che ti toglierà diversi dubbi in merito. Buona lettura.

Inquinamento atmosferico? Partiamo dalle basi e cioè dalla sua definizione scientifica dettata da Legambiente secondo cui si tratta di:

“un’alterazione delle condizioni naturali dell’aria, dovuta alle emissioni dei gas di scarico di autoveicoli, caldaie, centrali elettriche, fabbriche, impianti di incenerimento”.

Risulta evidente che si tratta di un settore che sempre più sta prendendo piede tra chi cerca nuove professioni e chi ha a cuore l’asticella della qualità del benessere dell’Italia. Ecco alcune importanti specifiche

Inquinamento dell’aria

Un noto filosofo diceva che “siamo quello che mangiamo”. Se trasliamo il suo pensiero nel tema dell’inquinamento atmosferico, si può dire che ormai siamo anche quello che respiriamo. La brutta notizia è che respiriamo cose brutte. Ecco quali.

Le sostanze inquinanti più diffuse in atmosfera

Quali agenti inquinanti ci sono nella nostra atmosfera? Ecco la top-list:

  • il biossido di zolfo (So2);
  • gli ossidi di azoto(Nox);
  • il monossido di carbonio (CO);
  • l’ozono;
  • il benzene;
  • gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA);
  • le polveri (soprattutto il particolato di diametro inferiore a 10 milionesimi di metro, il Pm10);
  • il piombo.

Le zone calde dell’inquinamento

Il problema dell’inquinamento atmosferico si annida e si fortifica soprattutto nelle zone metropolitane e la ragione è presto detta. In città è dove c’è il traffico, gli impianti industriali e il riscaldamento degli edifici. Tutto questo ha effetti dannosi sulla qualità dell’aria e sulla salute degli abitanti.

L’inquinante più diffuso in città

Il primo della lista in quanto a presenza e perniciosità è il Pm10. Secondo uno studio realizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, nei grandi centri metropolitani d’Italia:

“a causa delle concentrazioni di particolato sottile superiori ai 20 μg/m3, muoiono oltre 8 mila persone ogni anno”

La principale causa del Pm10

Perché prospera il Pm10 in città? Per via del traffico urbano. Le nostre automobili ed i mezzi pubblici, oltre alle moto e gli scooter, infatti, producono più di un quarto del totale delle emissioni e la metà circa degli ossidi di azoto, del monossido di carbonio e del benzene presenti nell’aria delle città.

L’eccezione degli ossidi di zolfo

In questo specifico caso di inquinante atmosferico, invece, la ragione primaria è il settore industriale, e soprattutto la produzione di energia, cui si devono tre quarti del totale delle emissioni.

Prosegue il discorso sull’inquinamento atmosferico grazie ad una lente di ingrandimento su come agire.

L’aria inquinata

Abbiamo capito che l’inquinamento dell’atmosfera metropolitana è una piaga ma come agire? Come trovare una soluzione?

Master in diritto ambientale

Un primo modo è diventare professionisti della tutela del diritto ambientale in Italia. L’università Niccolò Cusano ne propone uno ad hoc che si chiama “Master di secondo livello in Diritto ambientale e tutela del territorio“. Vediamone le caratteristiche.

Materie

Come si può studiare l’inquinamento atmosferico e la tutela dei diritti che da esso ne scaturisce? Nel modo più moderno possibile e cioè attraverso un approccio multidisciplinare che ti dia le competenze complete del settore a prescindere dall’area tematica a cui appartengono.

Ecco cosa si studia nel diritto ambientale:

Modulo I: “I principi del diritto ambientale”
  • La nozione di ambiente nel diritto comunitario, internazionale e costituzionale;
  • Il codice dell’ambiente;
  • Il danno ambientale;
  • L’informazione e il diritto di accesso in materia ambientale.
Modulo II: “I procedimenti amministrativi in materia ambientale”
  • La valutazione di impatto ambientale (VIA);
  • La valutazione ambientale strategica (VAS);
  • L’autorizzazione integrata ambientale (AIA);
  • Gli strumenti di pianificazione ambientale;
Modulo III: Rifiuti
  • La disciplina dei rifiuti: dalle origini al Codice dell’ambiente;
  • Le mobili frontiere della definizione di rifiuto;
  • I modelli organizzativi del ciclo integrato dei rifiuti;
  • La bonifica dei siti contaminati;
  • La responsabilità per abbandono di rifiuti;
Modulo IV: Energia
  • Le fonti di produzione energetica;
  • Le energie rinnovabili;
  • L’efficienza energetica e ambientale e gli strumenti premiali: certificati verdi e certificati bianchi;
Modulo V Tutela dell’acqua, dell’aria e del suolo
  • L’acqua come oggetto di tutela nazionale e sovranazionale;
  • Il mutamento di prospettiva nella tutela delle acque: dalla visione concessoria all’esigenza di tutela ambientale;
  • Acque superficiali e acque sotterranee;
  • Gli strumenti di tutela delle acque: attività tecnica ed attività giuridico-amministrativa;
  • La tutela del suolo;
  • La lotta all’inquinamento atmosferico ed ai cambiamenti climatici;
  • Tutela dell’aria e sviluppo economico: un difficile connubio;
  • Struttura dei procedimenti in materia di tutela dell’aria;
Modulo VI: Responsabilità per danno ambientale
  • La ricognizione sul dato normativo e i passaggi più significativi della sua evoluzione;
  • Il risarcimento tra prevenzione, precauzione e ripristino. Il principio “chi inquina paga”: il sottile confine tra colpa e responsabilità oggettiva;
  • La determinazione del danno all’ambiente risarcibile e la sua liquidazione;
Modulo VII : Tutela del mare e Aree naturali protette
  • Il Diritto Internazionale come pilastro della tutela del mare;
  • L’Europa come baluardo a salvaguardia delle biodiversità;
  • Tutela delle biodiversità ed aree naturali protette;
  • Il difficile equilibrio tra attività produttive e salvaguardia dell’ambiente marino.

Costi

Il costo per diventare esperti di diritto ambientale è di 1500 euro valevoli per 1500 ore di video-lezioni valevoli, a loro volta, 60 CFU – Crediti Formativi Universitari.

Uno sconto del master in diritto ambientale a 1300 euro è valido per le seguenti categoria

  1. Dipendenti della Pubblica Amministrazione;
  2. Avvocati iscritti all’Ordine;
  3. Laureati Unicusano.

A chi si rivolge

Studiare nozioni base e specialistiche sull’inquinamento atmosferico non è da tutti. Questo master, infatti, è perfetto soprattutto per:

  • laureati in discipline umanistiche e tecnico-scientifiche;
  • operatori del settore in possesso di laurea che intendono riqualificare ed aggiornare le proprie competenze professionali;
  • dipendenti delle Forze Armate e delle Pubbliche Amministrazioni.

Onlus

Oltre al master di Unicusano puoi lavorare nel settore dell’inquinamento atmosferico entrando in una delle tante onlus di settore. Eccole le principali:
  • Accademia Kronos – AK;
  • A.N.T.A. – Associazione Nazionale per la Tutela dell’Ambiente;
  • Centro Studi Interdisciplinari Gaiola Onlus;
  • EARTH;
  • Federazione Nazionale Pro-Natura;
  • Fondazione Sorella Natura;
  • Forumambientalista;
  • Greenpeace onlus;
  • Italia Nostra;
  • L’AltrItalia Ambiente;
  • L’Umana Dimora;
  • Marevivo;
  • Mountain Wilderness Italia;
  • NOGEZ – Nucleo Operativo Guardie Ecozoofile;
  • OIPA ITALIA – (Organizzazione Internazionale Protezione Animali);
  • SIGEA – Società Italiana di Geologia Ambientale;
  • Società Geografica Italiana;
  • Società Speleologica Italiana;
  • T.C.I. – Touring Club Italiano;
  • TERRANOSTRA – Associazione per l’agriturismo, l’ambiente e il territorio;
  • U.G.A.I. – Unione Nazionale Garden Clubs e Attività Similari d’Italia.

*** Se il tema dell’inquinamento atmosferico ti affascina al punto di volerne fare un mestiere attrezzati. Come? Per esempio leggendo questo nostro articolo sulle migliori ecco app per fare foto per essere sempre pronto ad immortalare di nascosto abusi e soprusi in materia ***

Dietro ad un professionista dell’inquinamento atmosferico, però, c’è sempre una persona preparata. Ecco perché devi formarti bene scoprendo tutte le tue possibilità dal sito ufficiale dell’università Niccolò Cusano ma anche dagli articoli del nostro blog universitario della città di Catania.

Attraverso l’apposito form di richiesta informazioni, poi, avrai modo di chiederci tutto quello che non hai ancora scoperto e che noi siamo pronti ad indicarti.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali