informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Amante della lirica? Ecco un itinerario di Catania attraverso i luoghi di Vincenzo Bellini

Commenti disabilitati su Amante della lirica? Ecco un itinerario di Catania attraverso i luoghi di Vincenzo Bellini Studiare a Catania

Sei un amante dell’opera lirica iscritto all’Università online Niccolò Cusano di Catania? In questo caso, puoi ritenerti davvero fortunato. Se la lirica è la tua passione, siamo sicuri che conoscerai già il noto compositore Vincenzo Bellini. Quello che forse non sai o non hai mai fatto è l’itinerario Bellini a Catania.

Proprio nella città in cui studi infatti, esiste un itinerario dedicato ai luoghi del grande compositore che non potrai perdere.

Se sei curioso, ti consigliamo di leggere con attenzione tutto ciò che potrai ammirare nella nostra bella Catania.

Vincenzo Bellini: biografia del compositore catanese

Prima di scoprire l’itinerario Bellini a Catania, vogliamo omaggiare il noto compositore catanese con brevi cenni sulla sua vita.

La figura di Vincenzo Bellini viene ricordata, nel mondo dell’opera lirica, come una delle più famose di tutto l’Ottocento.

Vincenzo Bellini nacque a Catania il 3 novembre 1801, in Piazza San Francesco. Figlio e nipote d’arte, Vincenzo Bellini dimostrò fin dalla tenera età un forte interesse nei confronti della musica. A 14 anni infatti si trasferì dal nonno, un compositore di musiche sacre, per studiare musica.

Già nel 1817, a soli 16 anni, Bellini ottenne una borsa di studio che gli permise di perfezionare le sue doti presso il Real Collegio di Musica di San Sebastiano.

Tra le sue prime composizioni, risalenti agli anni della sua formazione, si ricordano opere di musica sacra e la famosa “Dolente Immagine”.

Nel 1825 Vincenzo Bellini presentò al teatro del conservatorio la sua prima opera completa “Adelson e Salvini”. L’anno successivo, nel 1826, ottenne il primo concreto successo. La sua opera “Bianca e Fernando” arriva al teatro San Carlo di Napoli.

Dal quel momento, la carriera di Bellini è tutta in ascesa. Gli venne commissionata infatti un’opera al Teatro della Scala di Milano, città in cui si trasferì da Napoli.

Nel capoluogo lombardo, Bellini mise in scena le sue più famose opere, quali “Il pirata, “ La straniera”, “La sonnambula”, “Norma” e “Parigi”.

La carriera di Bellini decollò dopo il trasferimento a Parigi, dove entrò in contatto con grandi nomi del calibro di Chopin.

A soli 33 anni, a causa di un’infezione all’intestino, la carriera di Bellini venne bruscamente interrotta. Vincenzo Bellini morì il 23 settembre 1835 a Puteaux, in Francia.

Itinerario Bellini a Catania: i luoghi simbolo da visitare

Dopo questa doverosa ricostruzione della carriera di Bellini, iniziamo finalmente il nostro viaggio alla scoperta dei luoghi simbolo della vita di Vincenzo Bellini a Catania.

Se già conosci Catania, sai che si tratta di una città ricca di punti di interesse. Ogni suo angolo offre qualcosa da ammirare.

Il nostro itinerario alla scoperta dei luoghi di Bellini toccherà le seguenti mete:

  • Piazza Vincenzo Bellini
  • Teatro massimo Vincenzo Bellini
  • la Casa natale di Vincenzo Bellini (dove si trova ora il Museo Civico Belliniano)
  • Villa Bellini
  • Il Monumento a Vincenzo Bellini
  • la Cattedrale (dove si trova la sua tomba)

Scopriamo ogni luogo, tappa per tappa.

Piazza Vincenzo Bellini

Il nostro itinerario Bellini a Catania parte da Piazza Vincenzo Bellini. Questa piazza, oltre ad essere uno dei luoghi dedicati a Bellini, è una tappa d’obbligo per catanesi e turisti. Qui, specialmente di sera, si concentra infatti buona parte della movida catanese. Lungo tutte le stradine che si collegano a Piazza Bellini, si trovano tantissimi locali e pub per trascorrere il dopocena.

itinerario bellini catania teatro massimo

Teatro massimo Vincenzo Bellini

Nell’omonima Piazza Bellini, si trova il Teatro massimo Vincenzo Bellini. Il Teatro Bellini è il più grande della città, costruito secondo lo stile dell’Opera di Parigi. Ogni anno il Teatro organizza importanti concerti e visite guidate per ammirarne le bellezze.

Inaugurato nel 1890 con la rappresentazione della “Norma”, il Teatro massimo Vincenzo Bellini fu realizzato su progetto dell’architetto Andrea Scala, sotto la guida di Carlo Sada. Da progetto è stata realizzata una sala a forma di ferro di cavallo con quattro ordini di palchi, un loggione ed una facciata stile neobarocco. Sul soffitto della sala si trova l’affresco con l’apoteosi di Bellini e le allegorie delle sue opere. A causa della prematura morte, Bellini non vide mai il Teatro costruito in suo onore.

Per informazioni sulle attività del Teatro massimo Vincenzo Bellini, puoi consultare il sito web.

Museo Civico Belliniano

Quella che fu un tempo la casa natale di Vincenzo Bellini è oggi il Museo Civico Belliniano, altra importante tappa del nostro itinerario.

Il Museo Civico Belliniano venne inaugurato nel 1930, si trova al primo piano del Palazzo Gravina Cruyllas e si estende su cinque stanze, denominate da stanza A a stanza E. Al loro interno è possibile ammirare i cimeli che hanno fatto parte della vita di Bellini e della sua famiglia: libri, dipinti, spartiti, strumenti musicali.

Il settecentesto Palazzo Gravina Cruylas è ubicato in Piazza San Francesco d’Assisi 3, esattamente dove nacque il nostro compositore. La casa natale di Bellini venne dichiarata monumento nazionale nel 1923 ed inaugurata il 5 maggio 1930.

Il percorso proposto dal Museo ripercorre l’evoluzione della vita e della carriera di Bellini. Si inizia infatti dal piccolo ingresso che porta alla parte della stanza dove avvenne la nascita e si conclude nella stanza funeraria che all’epoca era la cucina.

Particolarmente interessante è la stanza D dove potrai ammirare i manoscritti musicali autografi del Bellini. Dopo una lunga ristrutturazione, il Museo è stato ampliato al piano nobile del palazzo. Qui vi si trova una prestigiosa collezione di pianoforti, manifesti e locandine delle celebrazioni belliniane.

Villa Bellini

Procediamo il nostro tour raggiungendo Villa Bellini, un grande giardino pubblico che si trova sulla sinistra percorrendo Via Etnea, dopo aver superato Piazza Stesicoro.

Oggi Villa Bellini è uno spazio pubblico, ma inizialmente il nucleo era privato ed apparteneva al Principe Paternò. Un giardino dedicato al compositore catanese, ricco di vegetazione, statue di personaggi illustri e fontane. Fino agli anni Ottanta, nel parco era stato attivo anche un piccolo zoo.

Il giardino dedicato a Bellini è uno dei due giardini più antichi della città ed è uno dei quattro principali parchi di Catania.

itinerario bellini catania monumento

Il Monumento a Vincenzo Bellini

Spostandoci da Villa Bellini in direzione del Duomo, percorrendo la centrale Via Etnea, raggiungiamo il Monumento a Vincenzo Bellini. Precisamente, il monumento si trova sul lato est di Piazza Stesicoro, una piazza che prende il nome dal celebre lirico greco. Realizzato in marmo bianco, il monumento ha un’altezza di 15 metri.

Si trova su un basamento quadrangolare alto circa 3 metri dove si legge il testo inciso “A Vincenzo Bellini La Patria”, con scale che salgono a tronco di piramide. Alla sommità della scala si erge una colonna a base quadrata sulla cui cima si trova la statua di Vincenzo Bellini seduto su una sedia. Ai quattro lati della colonna vi sono quattro allegorie delle sue opere più celebri: “Norma”, “Il pirata”, “La sonnambula” e “I puritani”. A far da contorno al monumento vi è una bassa cancellata in ferro battuto.

La tomba di Vincenzo Bellini

Il nostro itinerario Bellini a Catania si conclude con la visita al Duomo dove si trova la tomba di Bellini. La salma del compositore venne riportata nel 1876 dal cimitero di Parigi alla città natale. Lo scultore Giovan Battista Tassara ebbe l’incarico di realizzare la tomba in marmo di Carrara e bronzo. Il monumento presenta una decorazione in altorilievo che raffigura i personaggi femminili delle sue opere. La tomba si trova in corrispondenza della terza colonna della navata destra della Cattedrale.

Eccoci giunti al termine di questo nostro percorso. Siamo sicuri di aver suscitato in te che ami la lirica una grande curiosità. Se visiterai Catania nei prossimi giorni, fai tesoro della nostra breve guida.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali