informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare ricercatore: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare ricercatore: studi e possibilità Studiare a Catania

Sei uno studente universitario tra i più bravi del tuo corso? Hai sempre sognato di intraprendere la carriera universitaria? Se lo studio e la ricerca sono il tuo pane quotidiano, è molto probabile che fare il ricercatore sarà il lavoro del tuo futuro. Proprio perché molti studenti ambiscono a ricoprire questo ruolo, l’Università online Niccolò Cusano di Catania ha realizzato una guida per spiegare come diventare ricercatore.

In particolare, nel corso della nostra guida vedremo cosa fa e come si diventa ricercatore. Quali sono i requisiti per svolgere questo lavoro e le opportunità di fare carriera.

Se sei interessato e vuoi saperne di più, ti consigliamo di continuare a leggere.

come diventare ricercatore donna

Carriera universitaria: una panoramica sul ruolo del ricercatore

Come si diventa ricercatore universitario? Come si accede al mondo accademico? Quali sono i requisiti per diventare ricercatore? Esiste un iter per svolgere questa professione? Quanto guadagna un ricercatore?

Come vedi le domande rispetto all’argomento sono tante. Nella nostra guida Unicusano si  impegna a dare una risposta a tutte le curiosità dei nostri futuri aspiranti ricercatori universitari.

Nell’università italiana la figura del ricercatore si muove su due livelli. Da un lato, essere un ricercatore consente di approfondire determinate materie, dall’altro permette di approcciare all’insegnamento, collaborando alle attività formative dell’ateneo. Dal momento che la nostra riforma universitaria ha visto crescere il numero di corsi di laurea, la figura del ricercatore ha assunto un ruolo maggiore. Il lavoro del ricercatore infatti viene equiparato a quello del titolare di cattedra. Le differenze tra le due figure esistono sul piano legislativo e retributivo.

Anche se molti studenti, tra i più brillanti, sognano di diventare ricercatori universitari, è importante sapere che il percorso è assai impegnativo. Alla base di questo sogno vi è solitamente il desiderio di approfondire le materie in cui ci si è distinti durante gli anni di università. In questo modo, in veste di ricercatore, si può partecipare attivamente alle attività formative dell’ateneo, approfondire temi e materie specifici e non solo. Il ricercatore, proprio per la sua funzione, ha la possibilità di lanciare nuovi filoni di ricerca, individuare nuove metodologie di studio e fare scoperte importanti nell’ambito di ricerca.

Scegliere la carriera da ricercatore significa intraprendere un percorso lungo ed impegnativo: anni di studio e sacrifici che solo grande motivazione e passione possono sostenere.

Quali sono i requisiti di un buon ricercatore universitario?

Ora che abbiamo parlato di cosa fa il ricercatore e come, è importante chiarire quelli che sono i requisiti che un buon ricercatore deve avere.

Prima di tutto una forte curiosità. Essere una persona curiosa equivale ad essere una persona che ha desiderio di sapere, approfondire, conoscere e scendere in profondità rispetto a ciò che studia.

Altro requisito fondamentale è essere dotato di un forte senso di responsabilità. Il lavoro del ricercatore infatti è pieno di responsabilità su più fronti. Egli infatti ha responsabilità nei confronti degli strumenti e dei luoghi che utilizza (esempio il laboratorio) e delle persone che gioveranno delle sue scoperte.

Un buon ricercatore inoltre deve avere un’ottima capacità di analisi. Per fare ricerca scientifica è fondamentale:

  • saper analizzare i dati
  • prestare attenzione ai dettagli
  • mantenersi aggiornati sulla materia e sui metodi di studio
  • essere eticamente professionale nei confronti dei collaboratori

Come avrai certamente capito, per lavorare come ricercatore presso l’università, alla base di tutto devono esserci passione e motivazione. Solo così potrai superare gli ostacoli e raggiungere le gratificazioni che meriti, anche sul piano remunerativo.

Come diventare ricercatore: l’iter di studio

Se vuoi sapere come diventare ricercatore è importante conoscere anche l’iter di studio che consente di esercitare questa professione. Diventare un ricercatore universitario non è semplice: occorre infatti intraprendere un percorso di studi che prevede una serie di traguardi.

Diventare ricercatore universitario è solo il primo passo per entrare nel mondo accademico, arrivando ad ottenere il titolo di professore o altre cariche.

Vediamo dunque quali sono i requisiti per diventare ricercatore.

Il primo step, naturalmente, è il conseguimento di una laurea magistrale seguito dal conseguimento del dottorato di ricerca.

Gli anni del dottorato di ricerca sono anni in cui l’aspirante ricercatore muove i primi passi verso questo tipo di lavoro. In questa fase infatti, il dottorando non si limita a studiare e basta, in quanto può proporre nuove tecniche e condurre esperimenti.

Un buon modo per arricchire il curriculum in questa fase è quello di presentare proprie pubblicazioni scientifiche su riviste specializzate e maturare esperienze di ricerca.

Una volta maturati i titoli necessari, nello specifico laurea magistrale e dottorato di ricerca, il passo successivo è partecipare alla prova di concorso pubblico.

I concorsi per diventare ricercatore sono gestiti in modo autonomo dagli atenei. Ciò vuol dire che non esistono limitazioni temporali in quanto ogni ateneo è libero di gestire le pubblicazioni in base alle proprie necessità. Le selezioni quindi possono essere aperte in ogni momento utile.

Ricapitolando i tre step fondamentali per diventare ricercatore sono:

  1. laurea magistrale
  2. dottorato di ricerca
  3. superamento del concorso pubblico

Le prove di concorso

Abbiamo appena parlato del concorso pubblico per aspiranti ricercatori cui si accede una volta completato il percorso formativo richiesto.

Per partecipare al concorso non è necessario aspettare che vengano aperte posizioni nell’università in cui si è conseguito il titolo di studio. L’importante infatti è partecipare a selezioni aperte da qualsiasi facoltà per corsi affini al proprio ambito di studio e ricerca.

Il concorso è strutturato su tre prove, due prove scritte ed una prova orale, articolate nel seguente modo:

Prima prova scritta

Verte sulla realizzazione di un tema relativo ad un argomento inerente il percorso di studi.

Seconda prova scritta 

È un’esercitazione su uno degli argomenti affrontati durante il percorso di studi.

Prova orale 

È un colloquio mirato a verificare le conoscenze del candidato sui temi oggetto del percorso di studi.

In sede di valutazione, oltre ai risultati delle tre prove, gioca un ruolo importante il proprio curriculum. Per questo, se aspiri ad essere un ricercatore, cerca di raccogliere esperienze lavorative inerenti la ricerca, possibilmente conseguite all’estero.

come diventare ricercatore laboratorio

Le tipologie di ricercatore universitario

Entriamo nello specifico di questa professione per scoprire quali tipologie di ricercatore esistono. Il ricercatore universitario infatti può essere contrattualizzato, a tempo determinato, secondo due tipologie previste per legge:

  1. tipo A (RTDa) ricercatore a tempo determinato con contratto di durata triennale, rinnovabile per altri due anni una sola volta
  2. tipo B (RTDb) ricercatore a tempo determinato con contratto di durata triennale non rinnovabile

Di solito il ricercatore con contratto di tipo B rappresenta la tipologia di ricercatore che va verso la trasformazione in Professore Associato. Tramite concorso il Professore Associato può ambire al titolo di Professore Ordinario.

Quanto guadagna un ricercatore universitario?

Concludiamo la nostra guida su come diventare ricercatore con alcuni cenni sull’aspetto remunerativo di questa figura. Farsi strada nel mondo accademico è impegnativo e dal punto divista didattico, le differenze tra ricercatore e professore non sono così accentuate. Molti ricercatori inoltre, viste le necessità universitarie crescenti, si trovano spesso a svolgere l’attività di insegnamento.

Per quanto riguarda l’aspetto retributivo, un ricercatore universitario può guadagnare dai 1.400 euro ai 1.900 euro netti al mese, in base al grado di anzianità. Un discorso diverso riguarda invece i professori: gli associati arrivano a guadagnare intorno ai 2.300 euro netti al mese, mentre gli ordinari anche 4.000 euro netti al mese.

Ora che sai cosa fa un ricercatore universitario e quali sono le opportunità per chi vuole intraprendere questo mestiere, sei pronto per iniziare questo percorso?

Se vuoi saperne di più sull’offerta didattica del nostro ateneo, scopri quali sono i corsi di laurea a Catania.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali