informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Vacanze estive in montagna: 5 mete da considerare

Commenti disabilitati su Vacanze estive in montagna: 5 mete da considerare Studiare a Catania

Vacanze estive in montagna? Tra le preferenze delle ferie degli italiani la storia tra mare e monti sta un po’ cambiando. Se prima non c’era paragone (escluse le regioni dell’alto nord), ora anche al centro e al sud guardano ai monti come possibile e papabile meta. Complice (c’è sempre un complice!) l’esplosione del valore del benessere che ora è più radicato in noi, nei giovani genitori soprattutto. L’aria in alta quota fa bene ad adulti e piccini e questo incomincia ad essere un punto focale nelle valutazioni che facciamo su dove andare in vacanza d’estate. Il luogo comune, poi, che in montagna senza neve ci si annoi è stato sfatato. Molte sono le attività da fare in quei luoghi e molte sono le strutture ricettive che in tal senso offrono intrattenimento di qualità competitivo. State decidendo dove riposare le vostre stanche membra dopo un duro anno di corsi ed esami all’università? Potrebbe non essere male avvicinarsi al cielo per qualche settimana dopo aver avuto negli occhi il mare per tutti questi mesi. Ecco qualche spunto di questa guida che vi farà riflettere con maggiore cognizione di causa sul tema. Buona lettura.

Vacanze estive in montagna? Yes we can, parafrasando la celebre farse di Barack Obama. Perché le cose da fare in montagna sono molte e quasi tutte salutari. Potrete:

  • fare lunghe passeggiate all’aria aperta, ideale dopo un anno di sedia e divano tra lezioni e sessioni di studio;
  • fare escursioni in sentieri professionali, che sono più avventurose della prima ipotesi ma gestibili anche a livelli di principianti con la giusta guida;
  • fare mountain bike, che è uno sport molto duro ma performante che sta sempre più prendendo quota tra i giovani;
  • fare roccia, che è per chi ha coraggio e, soprattutto, la giusta attrezzatura per affrontare una parete;
  • fare belle mangiate, perché la montagna mette appetito e i menù delle regioni nordiche sono ottime;
  • farvi belle dormite, perché non ci si può riposare meglio che in un luogo isolato dal caos e dai rumori della città;
  • fare cure di bellezza, perché ormai tutte le principali struttura in Italia sono attrezzate con le spa.

Non manca la scelta. Ma dove andare in vacanza in montagna d’estate? Ecco 5 mete imperdibili:

    • Le Dolomiti, dove è sempre possibile sciare anche d’estate grazie ai ghiacciai e ai tanti servizi ad hoc per chi vuole inforcare sci e indossare scarponi anche quando il sole è alto;

 

    • La Sila, un vero spettacolo maestoso della Calabria tra lupi, rifugi con cibi e vini spettacolari e qualche impianto di escursione per avventurarsi indietro nel tempo in questo nostro antico paese;

 

    • La Lunigiana, tra le vacanze in montagna in Italia questa è la più sportiva. Percorrerete antichi sentieri, nuoterete in gole di montagna, guarderete dietro le porte chiuse di chiese e palazzi. Quello che succede dipende dalla stagione e le guide della Lunigiana sono desiderose di mostrare l’area con persone che parlano inglese. Il programma classico prevede anche un tour gastronomico di una settimana con bici elettriche da Parma a Lucca;

 

    • Passo di Falzarego, dove potrete salire fino al Rifugio Nuvolau (e possibilmente passare la notte) e scendere al Passo di Giaucorrect (fermata finale). Sono circa quattro ore, ci sono alcuni punti difficili, ma si gode una vista a 360 gradi delle Dolomiti, ed è fattibile anche dai dilettanti. Se volete trascorrere la notte al Rifugio Nuvolau, potrete assistere alla splendida “enrosadira” al tramonto quando le Dolomiti diventano rosa;
    • Monte Rotonaria, se volete fare trekking romantico a Frosinone, questo è il posto per voi. Attraversato il vado, infatti, sulla destra, vi potete arrampicare sul crostone di roccia dove è stata costruita una ringhiera di ferro e da dove c’è una vista mozzafiato sull’abbazia di Trisulti, a destra su Collepardo, sui Monti Lepini e sulla valle del Frusinate e a sinistra sui boschi di Capo Fiume. Irrompono, da qui, un silenzio e una pace che fanno venir voglia di rimanere lì per l’intera giornata.

Vacanze in montagnaVacanze in montagna: raccomandazioni

Tutto molto bello e così deve rimanere. E’ importante, infatti, non dimenticarvi mai che siete in mezzo alla natura selvaggia e che la salvaguardia della vostra sicurezza in montagna deve essere una priorità assoluta sempre.

In merito, non per spaventarvi ma per avere il massimo della consapevolezza sul tema, ecco i 3 principali pericoli in montagna.

Edema cerebrale ad alta altitudine (HACE)

Causato dagli effetti dell’altitudine sul proprio corpo, potete leggere tutto su questo disturbo mortale in un documento di “Educazione del paziente” di Scott Gallagher (istruttore clinico senior dell’Università del Colorado, Denver School of Medicine) e Peter Hackett (direttore dell’Istituto di medicina altimetrica di Telluride, CO).

Attenzione. Colpisce “circa il 40-50% delle persone che vivono a bassa quota e dormono a un’altitudine superiore a 10.000 piedi (3000 metri), e in circa il 25% di quelli che dormono sopra 8000 piedi (2400 metri). ” 

Tra i sintomi dell’edema cerebrale ci sono:

  • mal di testa;
  • nausea;
  • perdita di appetito;
  • difficoltà a dormire;
  • mancanza di energia.

La valanga

Partiamo da un dato: negli ultimi dieci inverni, una media di 42 persone sono morte solo nel Nord America, secondo Know Before You Go, un programma di sensibilizzazione sulle valanghe senza scopo di lucro.

Ci sono tanti accorgimenti per ridurre al massimo il rischio e vi invitiamo seriamente ad andare a vederli online.

Fulmini

Anche d’estate perché in alta quota il tempo cambia costantemente e velocemente. Quando si avvicina una tempesta, è consigliabile cercare sempre rifugio in un’area chiusa e chiusa ricordandovi che la maggior parte degli incidenti mortali da fulmine si verificano “sulle cime delle montagne, sotto un albero solitario, in aree pianeggianti e in spazi aperti”, secondo il National Park Service.

Viaggio d’estate

Ora che avete chiare gioie e dolori della vacanza in montagna d’estate, lasciateci mostrarvi un’ultima lista di raccomandazioni legate al viaggio d’estate:

  • Prenotate per tempo perché anche in montagna c’è ressa;
  • Non fate mai da soli quando si tratta di fare escursioni;
  • Non avventuratevi mai senza guida in una folta vegetazione di alberi;
  • Evitate zone umide e crepacci;
  • State fuori da piccole caverne dove potrebbero esserci animali in cerca di fresco;
  • Non sostate sotto le rocce a strapiombo;
  • State lontani da tutti i metalli se ci sono fulmini in cielo;
  • State lontani da alberi isolati, sempre in caso di temporale;
  • Cercate di dormire sempre in una valle, è più protetta.

Come avete appena constatato, non è un tema così ristretto quello delle vacanze estive in montagna. Perché l’Italia, con buona pace del resto del mondo, non ha solo monumenti e spiagge da farsi invidiare. Come avete letto, infatti, le località in cui passare l’estate in alta quota non mancano e le strutture in esse sono sempre più di qualità. Certo è che lassù scarseggia l’ossigeno e per questo non esagerate. Lasciatene un po’ per la vostra testa ora che, oltre ad organizzarvi le vacanze, deve ancora “lavorare” sulla vostra formazione. Impegnatevi a fondo nello studio ma anche nell’acquisizione di informazioni preziose sul corso di laurea che state seguendo e sulle possibili specializzazioni successive.

Maggiori dettagli tecnici in merito li scovate tra le righe degli articoli sul nostro blog universitario della città di Catania e nelle risposte che daremo ad ogni vostro dubbio che vi farete avere attraverso questo apposito form di richiesta informazioni.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali