informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Test di Student: che cos’è e dove si applica veramente

Commenti disabilitati su Test di Student: che cos’è e dove si applica veramente Studiare a Catania

Conoscere come applicare il test di Student può essere importante per il mercato del lavoro attuale. Perché le aziende non hanno più tempo o voglia di filosofeggiare, la crisi ha asciugato le possibilità di perdere tempo, ed ora lo spazio s’è ridotto a chi sa davvero mettere sul tavolo delle competenze lavorative specialistiche. Lo sa bene una realtà come l’università Niccolò Cusano che vuole darvi solo formazione spendibile e, quindi, si impegna a studiare corsi di laurea e master in grado di trasferire know-how specialistico. Se i numeri vi appassionano e credete che sia interessante per le vostre prospettive future lavorare nel campo della statistica, ecco una mini-guida in grado di darvi quella scintilla da cui potrebbe “accendersi” un impiego migliore. Buona lettura.

Maneggiare coi numeri è utile. Farlo da esperti di statistica ancor di più. Se questo è il vostro campo, capiamolo insieme iniziando a testare il terreno su cui andresti a muovervi. Vediamo se capite le idee chiave ed il funzionamento del test di Student.

La premessa del test T di Student è che si potrebbe avere la necessità di confrontare due medie. Ci vogliono, in buona sostanza, esperti in grado di asserire, in modo scientifico, che una eventuale differenza  riscontrata tra due medie analizzate non sia causata dal fato ma da una vera  diversità tra le medie delle due popolazioni da cui i campioni stessi derivano. Detto in modo più prosaico: dovrete poter affermare che due campioni analizzati appartengano a popolazioni diverse riguardo alla variabile considerata. Questa immagine ben illustra quanto detto:

Esempi del test T di Student

Lo schema di ragionamento del test T è questo mostrato nell’immagine:

Schema di ragionamento del test T

I calcoli da eseguire per effettuare il test t sono un po’ complesso. Per pura completezza dell’informazione, la formula di calcolo del valore T:

Formula di calcolo del valore T

Il principio che “sta dietro” al calcolo del test T di Student va colto nella sua interezza ma bisogna anche dire il test t si svolge al computer con l’aiuto di apposito software, incluso in pacchetti statistici oppure reperibile in rete. Diversa, invece, è la preparazione accademica e post laurea che serve per usare al meglio questi strumenti. Uncinammo vi offre corsi di laurea in Economia davvero ben fatti ed anche corsi post laurea pensati per darvi strumenti da usare con le aziende. Un esempio per tutti? Il master di primo livello in “Data analyst” chi vi invitiamo a scoprire. In generale, potrete usufruire della preziosa scelta di quale formazione usare di più tra la FAD (Formazione a Distanza) e la FIP (Formazione in Presenza) in base alle difficoltà delle singole materie e ai vostri impegni di vita.

T di Student

Per meglio comprendere questo concetto denso del T di Student vi proponiamo un esempio di applicazione del test T. State sperimentando l’effetto sul suino dell’aggiunta alla razione di una miscela probiotica costituita da batteri normalmente presenti nella flora intestinale del suino. L’ipotesi da verificare è che il probiotico favorisca l’accrescimento degli animali.

Allo scopo di verificare l’ipotesi, avete disegnato uno studio statistico sperimentale preliminare su due piccoli gruppi di suini. I gruppi sono fra loro omogenei (stessa razza, età, provenienza ecc.) e sono mantenuti nelle stesse condizioni di allevamento (alimentazione, temperatura ambiente ecc.). L’unica differenza è che alla razione del Gruppo 1 (10 suini) viene aggiunto il probiotico, mentre al gruppo 2 (11 suini) no.

All’inizio dell’esperimento ciascun suino viene pesato; dopo 21 giorni di trattamento i suini vengono pesati di nuovo e per ogni animale si calcola l’incremento giornaliero medio. I dati (fittizi) sono riportati nella tabella che segue.

Tabella esempio formula T student

Imparando a confrontare le medie degli accrescimenti, potete notare che il valore del Gruppo 1 è superiore a quello del Gruppo 2 (643.8 g/giorno contro 637.0 g/giorno). La domanda è: questa differenza è dovuta al probiotico oppure al caso? L’ipotesi zero dice che la differenza è dovuta al caso. Accettate o rifiutate questa ipotesi? Per rispondere, potete applicare ai vostri dati il test T.

La tabella T Student

Il test di Student ha precisi margini di applicazione. Capire i contorni della tabella significa capire come muoversi al meglio. Ritornando all’esempio di sopra, potete senza problemi applicare il test T, magari utilizzando questo foglio di calcolo. Facendo così, otterrete un valore pari a 2.2796.

Ed ora? Confrontate il valore T che avete ottenuto (2.2796) con quelli presenti nella Tabella dei valori t, per 19 gradi di libertà (gradi di libertà=numero osservazioni-numero gruppi; nel nostro esempio 21-2=19). Il vostro valore è superiore a quello della colonna p=5% (ma inferiore a quello della colonna p=1%). Perciò potete rifiutare l’ipotesi zero e concludere che la differenza è significativa per p<0.05 (ma non per p<0.01). Questo vuol dire che c’è una probabilità inferiore al 5% (ma non all’1%) che la differenza di accrescimento tra il gruppo trattato e quello di controllo sia dovuta al caso.

Ora avete le basi per muovervi col test di Student ma, soprattutto, avete le basi per capire se quello della Statistica è il vostro mondo, fatevi ulteriormente un’idea andando più a fondo sul tema in rete o, meglio, leggendo gli articoli che con quotidianità mettiamo nel nostro blog universitario della città di Catania. Domande e dubbi, invece, li potete estrinsecare attraverso l’apposito form di richiesta.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali