informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Disturbi specifici dell’apprendimento: ecco quali sono

Commenti disabilitati su Disturbi specifici dell’apprendimento: ecco quali sono Studiare a Catania

Disturbi specifici dell’apprendimento? Conoscere quali essi siano e come sono definiti precisamente dalla comunità scientifica è un tema molto importante se avete intenzione di diventare professionisti nella formazione. Una famosa canzone di un famoso cantante italiano diceva che “un autista di scuolabus ha in mano il futuro della nazione” e l’immagine poetica è davvero preziosa per far capire quale ruolo centrale abbiano gli insegnanti nella costruzione di un paese migliore. Ecco perché è tempo di non lasciare da parte chi ha più difficoltà degli altri ad imparare. Ecco perché è tempo di acquisire competenze sulla corretta gestione dei disturbi specifici di apprendimento. Questa guida vi illuminerà molto sul tema, dandovi tutti i punti base, e vi spiegherà, lato formazione, cosa vi offre Unicusano. Non vi resta che continuare a leggere.

Disturbi specifici dell’apprendimento? Partiamo dall’inizio e cioè dalla definizione scientifica che circoscrive il concetto ad “un disturbo in uno o più dei processi psicologici di base coinvolti nella comprensione o nell’uso del linguaggio, parlato o scritto, che può manifestarsi nella capacità imperfetta di ascoltare, pensare, parlare, leggere, scrivere, scrivere o eseguire calcoli matematici”.

Come si riconoscono? I segnali forti di questo problemi sono:

  • le disabilità percettive;
  • le lesioni cerebrali;
  • una disfunzione cerebrale minima;
  • una dislessia e afasia dello sviluppo (che sono disturbi del linguaggio).

Quando compaiono questi segni che un bambino potrebbe avere una difficoltà di apprendimento? Nella maggior parte dei casi nella scuola elementare. Un esempio classico e diffuso è una  spiccata difficoltà nell’apprendimento dell’alfabeto o anche problemi a trasformare pensieri in parole scritte o, infine, problemi di matematica semplici che diventano insormontabili.

Perché agire con rapidità su queste specifiche disabilità dell’apprendimento? Lo spiega l’autorevole fonte del Centro Nazionale di Divulgazione per i Bambini con Disabilità (noto soprattutto con la sigla inglese NICHCY) che dichiara che, se lasciati non “lavorati”, questi gap, anche solo a breve termine, influenzano le abilità del bimbo nelle aree di:

  • lettura;
  • scrittura;
  • ascolto;
  • ragionamento logico;
  • ragionamento matematica (chiamata discalculia).

Qua facciamo informazione e non propaganda per cui non cerchiamo di nascondervi che il problema del disturbo di apprendimento è serio ma, allo stesso tempo, ci teniamo a farvi capire un punto importante. Non dovete mai cadere nell’equivoco che il termine “difficoltà di apprendimento” vi getti addosso rassegnazione. Non è vero che i soggetti con difficoltà di apprendimento non possano apprendere né che siano stupidi o pigri . Studi scientifici, anzi, hanno dimostrato che possiedono un’intelligenza media o superiore alla media. E’ solo che i loro cervelli elaborano le informazioni in modo diverso e la vostra sfida sarà quello di capire come.

L’evoluzione scientifica sul concetto ne è esempio.

Con i giusti professionisti e con i corretti servizi educativi speciali, uno studente può tranquillamente seguire una formazione completa fino alla laurea!

La legge 170

Come sta messa l’Italia circa la normativa sulla formazione di bambini con disturbi di apprendimento? Quasi tutto passa dalla legge 170, dell’8  ottobre  2010, il cui titolo intero è “Nuove  norme in  materia  di  disturbi  specifici  di apprendimento in  ambito  scolastico”. E’ bene capirla più a fondo,

A chi si rivolge la legge 170

E’ un lavoro che cerca di dare regole e confini all’insegnamento  dei  bambini  e  dei  ragazzi  con disturbi specifici dell’apprendimento “che si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in  assenza  di  patologie  neurologiche  e  di  deficit sensoriali, ma  possono  costituire  una  limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana” (Art. 1).

Legge 170In cosa consiste la legge 170

Si tratta di un lavoro che regolamenta:

  • le  forme  didattiche  adeguate;
  • le  agevolazioni;
  • i  supporti all’insegnamento che le scuole devono adottare nei confronti degli studenti con DSA.

Tutto parte dal comma 1 che mette nero su bianco il diritto dello studente con diagnosi DSA di

“fruire di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica nel corso dei cicli di istruzione e formazione e negli studi universitari”

Il  12  luglio  2011  sono  stati  varati  anche il  decreto  attuativo  e le  linee  guida  che  dispongono indicazioni da seguire per gli uffici scolastici regionali e la famiglie dei portatori di DSA nell’ottica di un una tutela e di un supporto rispetto a questi ultimi.

Gli strumenti della  legge 170

Cosa può fare un professionista? Cosa può usare? I margini in tal senso sono indicati nel PDP – Piano Didattico Personalizzato che mette a disposizione cose come:

  • le mappe concettuali;
  • la  registrazione  delle  lezioni;
  • i  testi in  digitale;
  • la  sintesi  vocale  per la  lettura;
  • l’utilizzo  della calcolatrice.

Non solo a questi si uniscono anche gli strumenti  dispensativi,  dispensati in  base  alle  capacità  dello studente  col disturbo,  che possono essere:

  • le  interrogazioni  programmate;
  • le  verifiche  orali  e  non scritte;
  • tempi supplementari  per lo  svolgimento  delle  prove;
  • la  valutazione  dei  contenuti  e  non  della  forma  nei testi scritti;
  • la dispensa dal copiare e prendere appunti e dall’uso del corsivo.

Le finalità della legge 170

Perché è stata creata questa normativa? Lo scopo di una legge sulla gestione degli studenti con disturbi di apprendimento è pieno di sfaccettature che citiamo testualmente dal testo di legge in questi 8 punti:

  1. garantire il diritto all’istruzione;
  2. assicurare uguali opportunità di sviluppo delle capacità in ambito sociale e professionale;
  3. favorire il successo scolastico attraverso misure di supporto;
  4. garantire una formazione adeguata;
  5. promuovere lo sviluppo delle potenzialità del ragazzo;
  6. ridurre i disagi relazionali ed emozionali dovuti al disturbo;
  7. adottare  forme di  verifica  e di  valutazione  adeguate  alle  necessità  formative  degli  studenti  e preparare  gli  insegnanti  e  sensibilizzare  i  genitori  nei  confronti  delle  problematiche  legate ai disturbi specifici dell’apprendimento;
  8. favorire una diagnosi precoce e l’adozione di percorsi didattici riabilitativi; 9) incrementare la  comunicazione  tra  famiglia,  scuola  e  servizi  sanitari durante il  percorso  di istruzione e di formazione.

La formazione sui disturbi di apprendimento

Abbiamo capito che i disturbi specifici di apprendimento sono un tema caldo e complesso ma non insormontabile. Abbiamo anche compreso che in Italia esiste una legge che circoscrive il problema. Ma voi? Come volete partecipare alla storia?

Se vi interessa diventare professionisti della formazione di bambini con DSA spulciate l’offerta di Unicusano. A livello di corsi di laurea, queste sono le due opzioni:

Non solo, però. Potrete acquisire know-how post laurea importante anche con i master dedicati al settore della formazione e al mondo della scuola che vengono attivati con grande fermento dall’Ateneo per la voglia di essere sempre legati all’attualità delle esigenze del mondo del lavoro e della società civile.

Non è un caso che le migliori soluzioni educative per gli studenti con specifiche difficoltà di apprendimento derivino dalla valutazione del caso particolare di un bambino e dall’identificazione dei suoi punti di forza e di debolezza. Questa valutazione viene elaborata nel processo del programma educativo individualizzato (IEP) che solo un professionista preparato può redigere per bene. Il futuro positivo o nero di un minorenne passa dai vostri studi e su questo avete una responsabilità seria che non dovete mai mettere in secondo piano.

Se vi interessa il settore della formazione, potrebbe tornarvi utile questo articolo sul test di Student.

Ora avete un quadro maggiormente nitido dei disturbi specifici dell’apprendimento. Cosa sono, come si riconoscono, quali danni possono causare, perché agire in fretta e, soprattutto, quale formazione avete a disposizione per diventare professionisti del settore. Non vi resta che passare dalle parole ai fatti e cioè dal leggere questa guida ad iscrivervi ai corsi di laurea giusti. Maggiori dettagli tecnici ed informazioni ancora più specifiche li trovate sul sito dell’università Niccolò Cusano ma anche tra le righe degli articoli che pubblichiamo con regolarità online sul nostro blog universitario della città di Catania. Se poi avete domane, dubbi o quesiti specifici, non esitate a contattarci direttamente attraverso questo apposito form di richiesta informazioni.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali