informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Corsi convenzionati INPS? Ecco quelli di Unicusano

Commenti disabilitati su Corsi convenzionati INPS? Ecco quelli di Unicusano Studiare a Catania

Si parla molto, in questi giorni, dei corsi convenzionati INPS. Cosa sono? Da quali premesse culturali muovono i loro passi? Che finalità perseguono? Non è solo un argomento interessante a livello generale ma, più nello specifico, conoscere la formazione sovvenzionata INPS potrebbe essere una chiave per aprire i cancelli di un futuro migliore. Cos’è il “Valore P.A.” e come esso si declina con l’offerta didattica di Unicusano è il contenuto di questa guida che non sarà esauriente sul tema (e come potrebbe esserlo con una materia così magmatica?) ma che rappresenta un primo importante tassello del mosaico che dovete comporre. Pronti? Ecco i primi concetti chiave dell’aggiornamento professionale per i dipendenti pubblici. Buona lettura.

C’è una ragione se gli appassionati di macchine hanno piacere ad aprire un cofano e guardarci dentro. La ragione è che capire come funziona una cosa che ti piace te la rende ancora più affascinante. La stessa immagine la potete applicare a questa guida che tratterà il tema dei corsi convenzionati INPS e di come essi siano declinati nell’offerta didattica dell’università Niccolò Cusano.

Innanzitutto va spiegato che l’INPS ha deciso di investire tempo e risorse in una precisa ed attenta selezione e ricerca di corsi universitari di formazione proposti da atenei italiani in collaborazione con soggetti pubblici o privati. Per fare cosa? Lo scopo di questa lodevole iniziativa, denominata ufficialmente “Valore P.A.” e finanziata interamente proprio dall’Istituito, è di aggiornare il know-how di tutti i dipendenti della Pubblica Amministrazione iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e alla Gestione Assistenza Magistrale.

Come funziona il progetto formativo dell’istituto previdenziale? Si parte dalla valutazione di fondo che questo strumento debba generare un “valore” per il sistema (ecco perché ha quel nome). Per riuscirci si devono analizzare soprattutto le aree di azioni ed i bisogni formativi espressi da tutte le amministrazione aderenti all’iniziativa.

Tecnicamente ogni corso, a totale carico dell’INPS, prevede dai 20 ai 50 partecipanti. Se questo numero viene superato, è prevista la richiesta dell’attivazione di più edizioni del medesimo corso o la predisposizione di una prova selettiva, a spese e a cura dell’ateneo, per individuare, con criteri squisitamente meritocratici, a chi spetta la formazione.

Dove studierà il corsista? I corsi potranno essere tenuti presso le sedi dell’ateneo coinvolto, delle pubbliche amministrazioni inerenti o dell’INPS. Il tutto nella regione di servizio dei richiedenti.

Se vi interessa fare carriera nella Pubblica Amministrazione aumentando il vostro curriculum vitae, sappiate che l’elenco dei partecipanti ai corsi di formazione professionale sarà messo nell’apposita sezione del sito INPS con l’indicazione del corso al quale risulta iscritto ogni partecipante.

Aggiornamento professionale a CagliariAggiornamento professionale a Cagliari

Il mercato del lavoro è molto cambiato. Se un tempo un titolo di studio come la laurea era sufficiente, ora è ancora un inizio basilare ma non esaustivo. Adesso bisogna considerare la necessità di specializzarsi in un settore di lavoro.

Se il discorso ha senso nel settore privatistico, non decade in quello pubblico. L’evoluzione della Pubblica Amministrazione, infatti, comporta una migliore preparazione del personale attraverso un aggiornamento professionale che, a Cagliari, eroga Unicusano insieme all’INPS.

Offerta in presenza di Unicusano

I corsi INPS in presenza altro non sono che corsi accademici di aggiornamento professionale la cui durata è pari a 60 ore che sono, appunto, erogate in presenza.

Conoscere quale formazione scegliere per fare carriera nella Pubblica Amministrazione è un passaggio chiave per il vostro futuro. Ecco, di seguito, uno specchietto che vi darà una prima idea generale:

Titolo del corso

Ore

N° max partecipanti

CFU

N° posti riservati PA Partner

N° posti a concorso

Termine presentazione domande

Contratti pubblici e procedure di gara

60

40

5

Info su sito INPS
La nuova disciplina del lavoro pubblico

60

 40

5

 –

 –

Info su sito INPS
Responsabilità amministrativa e disciplinare

60

 40

5

 –

 –

Info su sito INPS
Fondi comunitari e loro utilizzazione

60

 40

5

 –

 –

Info su sito INPS
Etica, bioetica, deontologia, aspetti giuridico/professionali ed organizzativi in campo sanitario

60

 40

5

 –

 –

Info su sito INPS

Saper prevenire la corruzione

Il tema è fin troppo attuale perché le macerie lasciate da Mani Pulite sono tutt’altro che lontane. Se avete voglia di contribuire a cambiare questo paese anche voi studiando per diventare esperti di prevenzione di corruzione, seguite il corso di formazione in “Prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza tematica: La centralità del cittadino; Qualità del servizio pubblico, Gestione volta all’eccellenza” di Unicusano.

A chi è rivolto il corso anti corruzione? A tutti quelli che hanno capito che, nel nuovo ruolo che assumono i dipendenti pubblici, a prescindere dalla loro professionalità e funzione all’interno delle amministrazioni di appartenenza, non è più possibile prescindete dalle corpose trasformazioni imposte dalle tecnologie informatiche. Si tratta di porre l’accento sulla rivoluzione digitale nell’erogazione dei servizi ai cittadini, attraverso l’attuazione del codice dell”amministrazione digitale e il FOIA. Servizi in modalità digitale che, è bene ricordarlo, non sono solo un dovere da parte dell’amministrazione ma anche e soprattutto un diritto riconosciuto al cittadino.

Qual è l’obiettivo della formazione INPS sulla corruzione? Dare un know-how completo ai corsisti circa i contenuti e le novità che hanno innovato la Pubblica Amministrazione, a partire dalla L. 241/90 (c.d. legge della trasparenza) e circa tutti gli aggiornamenti normativi, fino ad arrivare alla L. 124/2015 (c.d. Riforma della PA o anche legge “Madia”), con elementi di conoscenza delle norme che regolano la cittadinanza digitale, il diritto di accesso, la trasparenza e le conferenze di servizi.

La gestione del lavoro dopo il Jobs Act

In questo percorso di crescita professionale, che poi è un aggiornamento professionale del pubblico impiego, ha senso impegnarsi a saperne di più anche su come sia cambiato lavorare dopo l’avvento di alcune leggi importanti.

Fa al caso vostro il “Master II livello in La gestione del rapporto di lavoro dopo il c.d. Jobs act” di Unicusano i cui numeri sono davvero interessanti:

  • 1500 ore complessive di lezioni;
  • 60 Crediti Formativi Universitari – CFU riconosciuti;
  • 7 moduli formativi per conoscere l’argomento.

Quanto costa diventare esperti di Jobs act? Il prezzo della retta è di 2100 euro pagabili in due rate da 1050 euro l’una.

La lista degli sbocchi professionali dell’esperto in Jobs Act è lunga e la riportiamo, per dovere di cronaca, nella stessa interezza in cui compare nel sito ufficiale. Eccola:

  • liberi professionisti nelle aree della consulenza del lavoro (avvocati, consulenti del lavoro, commercialisti e revisori contabili, consulenti d’impresa);
  • dirigenti e altri addetti all’amministrazione del personale e alla gestione delle risorse umane;
  • dirigenti e altri addetti agli uffici di relazioni esterne e di relazioni industriali;
  • dirigenti e funzionari di associazioni di categoria, di associazioni sindacali, di enti bilaterali;
  • personale ad alta professionalità nelle agenzie di somministrazione di lavoro temporaneo e diplacement;
  • dirigenti e funzionari di enti pubblici, in particolare di quelli interni (statali, degli enti locali e previdenziali), comunitari e internazionali – che operano nel campo dei servizi per l’impiego, delle politiche del lavoro, della formazione e delle politiche sociali, delle prestazioni previdenziali e della relativa contribuzione;
  • dirigenti e altri addetti degli uffici legali di imprese;
  • legali dipendenti da enti previdenziali e da autorità di vigilanza;
  • ricercatori e docenti di centri di ricerca e di formazione professionale nelle aree del lavoro;
  • esperti di sicurezza sul lavoro e trattamento dei dati personali;
  • esperti arbitri nelle controversie di lavoro.

Come gestire i conflitti nelle organizzazioni

Come occuparsi della gestione conflittuale in un’organizzazione? Avendo le giuste competenze e, cioè, avendo il know.-how che vi trasmetterà il corso di formazione in “La gestione dei conflitti nelle organizzazioni” di Unicusano.

Tra le tante specifiche materie per diventare esperti di gestione dei conflitti organizzativi  spiccano i metodi e gli strumenti per la risoluzione di essi. Vanno dalla conoscenza della comunicazione non verbale per ridurre la conflittualità in una discussione alle tecniche di ascolto per una comunicazione efficace. Dal comportamento assertivo al comprendere motivazioni e strategie degli attori coinvolti. Molto peso, infine, si dà anche alla gestione del post di un evento conflittuale.

Tra i docenti del corso in composizione dei conflitti spicca il  Direttore che è il Prof. Avv. Giovanni Puoti, Professore ordinario di diritto tributario nonché Preside della Facoltà di Giurisprudenza e Rettore Vicario della Università “Niccolò Cusano”. La sua esperienza è, inoltre, arricchita, dall’essere stato Sottosergretario di Stato, Presidente dell’U.C.O.I. (Unione dei Consoli Onorari in Italia) e Membro di diversi Consigli di Amministrazione (tra cui ACI). E’ anche autore, nell’ambito del diritto tributario e amministrativo, di numerosi libri.

Diventare esperti di promozione dell’intelligenza emotiva

La formazione nella P.A., quella di qualità, deve essere costante. E chi formerà all’interno della Pubblica Amministrazione? Chi avrà le competenze che garantisce il corso di formazione in “Promozione e sviluppo dell’intelligenza emotiva – educazione al pensiero divergente nel processo formativo” di Unicusano.

Si tratta di cambiare approccio didattico non considerando più lo studente colui che sa ma cui che sa come muoversi, e cioè che, consapevole di una lacuna, attiva le risorse attorno a sé per colmarla.

Curiosi di capire cosa studia un esperto di promozione dell’intelligenza emotiva? Ecco la lista precisa delle materie:

Modulo 1 – Analisi del contesto scuola
Panoramica generale e presentazione del corso

  • Dalle unità didattiche alle competenze;
  • Curricolo verticale;
  • Skills life e abilità sociali di promozione del benessere;

Modulo 2 – Che cos’è l’apprendimento

  • Nuove metodologie didattiche;
  • Empowerment : come facilitare gli apprendimenti;
  • L’arte dell’incoraggiamento e la critica costruttiva;
  • Dare feedback: valutazione ed autovalutazione;

Modulo 3 – L’ intelligenza emotiva

  • Brainstorming : il pensiero creativo;
  • Problem solving: esercitazione;
  • AUTOEFFICACIA
  • AUTOSTIMA;
  • ASSERTIVITÀ;

Modulo 4 – La comunicazione efficace

  • Comunicazione di qualità;
  • Ascolto attivo;
  • Messaggi in prima persona;
  • Barriere della comunicazione;
  • Di chi è il problema?;

Modulo 5 – didattica laboratoriale

  • Dal brainstorming alla matrice cognitiva;
  • Mappe cognitive e interventi personalizzati;
  • Apprendimento creativo e sviluppo creatività;
  • Laboratorio : per sviluppo identità, autonomia e competenze trasversali;
  • Cooperazione e cittadinanza attiva;
  • Esercitazioni (Case studies).

Lo abbiamo detto in apertura di articolo e lo ripetiamo qua: se i corsi convenzionati INPS possono farvi avere un futuro migliore, non fermatevi a questa lettura. Il tema è in costante composizione ed i pezzi li mettiamo ogni giorno tra le righe degli articoli del nostro blog universitario della città di Catania e non solo. Tutto quello che non troverete in questo modo o sul web ce lo potete chiedere senza filtri direttamente a noi. Come? Scrivendolo attraverso l’apposito form di richiesta.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali